“Lolek” di Tina Bellini.

lolek di Tina Bellini
lolek di Tina Bellini

Karol Józef Wojtyła nato nel 1920 era l’ultimo dei tre figli di Karol Wojtyła e di Emilia Kaczorowska,

La madre  morì nel 1929. Suo fratello maggiore Edmund, medico, morì nel 1932 e suo padre, sottufficiale dell’esercito nel 1941, la sorella, Olga, era morta prima che lui nascesse.

Il periodo della sua giovinezza , vissuto nel pieno della seconda guerra mondiale, racconta di un’infanzia violata dagli orrori che lo costrinsero a lavorare in miniera per sfuggire alla deportazione e dai lutti familiari.

Lolek, questo era il soprannome con il quale era solito essere chiamato durante la sua adolescenza, quando dalla serenità di una vita apparentemente  normale tutto è cambiato per sempre.

Dove altri avrebbero preso strade opposte Lolek è stato in grado di trasformare  il dolore  in amore per sè stesso , ma soprattutto per gli altri…

La scelta di chiamare “Lolek” quest’opera da parte dell’artista Tina Bellini, arriva proprio dal voler ricordare che dal male può nascere il bene, dalla sofferenza il sollievo, dall’odio l’amore, l’amore che Giovanni Paolo II non ha mai smesso di donare a tutti…

Ecco perché “Totus Tuus” è divenuto  il motto apostolico di Lolek, che da sempre è stato presente nell’anima dell’Uomo Karol, facendo tesoro di  quel periodo cupo in cui non ha vissuto ma è sopravvissuto, quelle vicende che lo hanno portato ad essere il Papa dei giovani.

Non è un caso che l’artista abbia scelto di mostrare  la figura del Papa di fianco, dal momento che Papa Giovanni Paolo II ha sempre saputo mostrare il fianco alle avversità, per divenire più forte, più consapevole, più vero…

Alessio Musella

Opera realizzata su richiesta del curatore Alessio Musella e donata in occasione del concerto del 17 Gennaio 2023 in Campidoglio in onore di Papa Giovanni Paolo II che ha visto protagonista il Soprano Dominika Zamara.

Total
11
Shares
Previous Post
Halina Skroban

La pittura di Halina Skroban…

Next Post
José Luis Corella

A tu per tu con il Maestro José Luis Corella.         

Related Posts