“Dynamic correspondence” Collettiva Internazionale dall’11 al 18 dicembre presso lo spazio espositivo Dueunodue, Bologna.

Dynamic correspondence
Dynamic correspondence

Dall’11 al 18 dicembre, presso lo spazio espositivo Dueunodue, via Galliera 2/B, Bologna, la collettiva Dynamic correspondence, organizzata dall’Associazione Nartwork

L’esposizione, ad ingresso libero, accoglie opere di 38 artisti contemporanei provenienti da 14 nazioni, e sarà visitabile dall’11 al 18 dicembre nei seguenti orari: 16:00 – 20:00. 

Ai visitatori verrà distribuito gratuitamente il catalogo della mostra, a cura di Nartwork a.p.s., coi contributi critici degli storici dell’arte Cristiana Cordova e Gianpasquale Greco. Grafica a cura di Antonio Imparato. Progetto allestitivo a cura di Giulio Bellan.

Il vernissage si svolgerà sabato 11 dicembre 2021 alle ore 18:00 e sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina facebook dell’Associazione Nartwork.

Ingresso a partire dalle 17:30 muniti di green pass.

Durante il vernissage previsto un dibattito sulla mostra a cura dei critici e storici dell’arte della nostra associazione. A seguire piccolo rinfresco. 

La colletiva Dynamic correspondence mira a creare un dialogo dinamico tra artista e spettatore. L’artista mostra, tramite la propria opera, una tappa significativa del proprio percorso artistico e regala allo spettatore la possibilità di riconoscersi trovando le corrispondenze col proprio percorso di vita. 

Per favorire questo scambio dinamico di significati, di emozioni, tra l’artista e il visitatore, la mostra è arricchita da QR Code che raccolgono pensieri e riflessioni degli artisti. 

Artisti in mostra

Marko Alabaster (Gran Bretagna), Marie Pierre Arpin (Francia), Claudio Barbugli (Italia), Laura Bruno (Italia), Erika Cadiz (Arabia Saudita), Caterina Caldora (Italia), Chiara Cinquemani (Italia), Alina Ciuciu (Italia), Giovanna Da Por (Italia), Elisa Dottori (Italia), Eivor Ewalds (Finlandia), Paco Falco (Italia), Mario Formica (Italia), Monika Hartl (Austria), Elke Hubmann- Kniely (Austria), Inushima (Giappone), JBG (Italia),  Rada Koleva – Genova (Italia), Erich Kovar (Austria), Lausen (Svizzera), Elisabeth Lopez (Gran Bretagna), Taija Mäntylä (Finlandia), Alessandro Marini (Italia), Benita Martin (Germania), Maria Rita Onofri (Italia), Angelika Oberneder (Austria), Attila Olasz (Ungheria), Alexandra Piras (Belgio), .Punto (Francia), Chris Rozitis (Gran Bretagna), Franca Sacchi (Italia), Tommaso Sacco (Italia), Kathy Stanley (USA), Alisa Teletovic (Bosnia ed Erzegovina), Maria Carolina Terracciano (Italia), Rafa Tom (Canada), Rebecca Volkmann (USA), Claudia Werth (Germania). 

Curatrici: Rossella Bellan, Giulia Mazzilli, Antonietta Panico

Total
9
Shares
Previous Post
Bianca Beghin

Bianca Beghin e la sua sperimentazione artistica.

Next Post
Sofia Gentile Uslenghi

Sofia Gentile Uslenghi e l’autoritratto…

Related Posts