FABBRICA MILLUL GALLERIA FUCINA D’ARTE REALITY BITES L’Arte produce Realtà. Vernissage sabato 29 agosto 2020, ore 19:00 A cura di Alessandro Romanini

fabrica millul

Vernissage sabato 29 agosto 2020, ore 19:00
Via Nazario sauro 52, Pietrasanta.

All’interno dell’iniziativa collettiva “Fabrica Millul”, co-prodotta dalla nuova realtà distrettuale alle porte di Pietrasanta, legata all’arte e al design, costituita da Galleria Giovanni Bonelli, Lucifero Design e Galleria Fucina d’Arte, quest’ultima promuove la mostra “Reality Bites. L’Arte Produce Realtà”.

La mostra riunisce 20 artisti di varie estrazioni poetica, tecnica e generazionale, che si esprimono con i diversi media, accomunati da un approccio analitico ed elaborativo alla realtà.

Stefano Arienti, Roberto Barni, Bertozzi & Casoni, Fernando Botero, Michelangelo Consani, Vittorio Corsini, Amedeo Desideri, Chiara Del Vecchio, Giuseppe Donnaloia, Roberto Fanari, Luca Gaddini, Veronica Gaido, Piero Gilardi, Rachel Lee Hovnanian, Javier Marin, Mimmo Paladino, Alessandro Papetti, Massimiliano Pelletti, Michelangelo Pistoletto, Matteo Pugliese, Marc Quinn, Salvo, Antonio Sidibè, Antonio Trotta, Giuseppe Uncini

Una realtà concreta, con dimensioni, forme e colori, che si caratterizza per parametri “altri” decisi dagli artisti demiurghi, creatori e regnanti su queste isole a geometria variabile articolate con colori su tela, scolpite nel marmo, nel legno o nel bronzo, o impresse con nitrato d’argento.
Il titolo allude anche a una “realtà che morde”, una storia che esibisce negli spazi espositivi, con il loro genius loci, pagine infauste (quelle della famiglia Millul e per esteso le persecuzioni razziali del periodo nazi-fascista) che uniscono in un’unica riflessione la dimensione locale e quella mondiale.
Gli artisti con le loro opere fungono da antenne che captano impulsi dal passato e dal presente per dare vita a ipotesi future concrete e applicabili, costruite sull’immaginazione.
Le opere in mostra confermano la capacità dei creativi delle varie discipline di filtrare il flusso temporale del reale, cogliendone l’essenza, rivelandola nitidamente, plasmandola in forme armoniche, soggette alla percezione dell’universo sensibile.
L’arte ci mostra ancora una volta, l’insieme condensato delle strade davanti a noi, alternative all’inconsistenza delle nostre certezze.

Rimani Aggiornato

Iscriviti alla Nostra Newsletter