中島由紀子 ⇒ 中島由記子 Gallerista

Yukiko Nakajima

Alessandra Korfias, Founder di Arti Services , ci ha presentato la gallerista Yukiko Nakajima e noi l’abbiamo intervistata , per capire meglio come viene percepita l’arte in Giappone

Il tuo primo contatto con l’arte?

Penso che sia un libro illustrato che ho letto ad alta voce mentre crescevo mia figlia.

Ho letto a mia figlia i libri di quando ero bambina, gli ultimi, quelli degli scrittori giapponesi, e i libri tradotti dall’estero. La maggior parte delle illustrazioni le trovavo belle e interessanti . Le foto venivano fuori dalle pagine , una dietro l’altra , ed erano tutte cose meravigliose che rendevano felici i bambini. Penso che sia stato un periodo molto felice.

Questo periodo ritengo mi abbia collegato da adulta al mio lavoro artistico.

Per proporre  arte e necessario aver studiato arte?

Penso sia necessario imparare l’arte. Per proporre Arte alle persone devi conoscerla , quindi penso che dovremmo acquisire una conoscenza approfondita. In questo modo, puoi trasmettere la bontà del lavoro da molteplici aspetti.

Ci sono due differenze decisive tra l’arte e quelli che vengono chiamati altri prodotti.

Uno di questi è che l’arte è piena di “pensieri” e “messaggi”.

Ad esempio, quando si propone ai clienti una “scrivania” , la scrivania ha sempre una funzione, che rende comoda la vita, e in essa entrano il design e i materiali. D’altra parte, nell’arte, le opere hanno il ruolo di illuminare lo spettatore, ma generalmente non hanno una funzione.

Riceviamo individualmente belle sensazioni dalle nostre opere e arricchiamo la nostra anima, ma non é una necessità per la nostra vita. Questo è ciò che rende l’arte diversa dagli altri prodotti . Prima di tutto, ritengo si debba associare un concetto filosofico alle opere per poterle meglio spiegare .

Secondo, l’arte ha una sequenza temporale. Il fatto che l’arte abbia un asse temporale significa che l’arte segue antiche scale culturali e tradizioni come una genealogia. Anche se l’artista crea l’opera separatamente dal proprio paese e dalla propria famiglia, conferma da un punto di vista oggettivo il luogo e la storia in cui è nato e cresciuto, e poi la crea, e anche nelle parole in cui è cresciuto.

In un opera d’arte si accumula una storia legata ad un periodo di tempo che a volte è visibile altre volte è nascosto. Sulla base di queste considerazioni ritengo sia necessario studiare l’Arte per riuscire a proporla in tutte le sue sfaccettature

Come è vissuta l’ arte in Giappone?

In generale, l’arte giapponese pervade le nostre vite e inconsapevolmente amiamo l’arte giapponese antica. Ad esempio, ci sono innumerevoli arti e arti dello spettacolo come No, Kabuki, Chado, Hanado, pittura giapponese, Ukiyoe, Ceramica e arte della lacca.

Gli artisti che sono coinvolti in una di queste forme d’arte hanno accettato un’ampia varietà di tradizioni. Ad esempio, se menzioni “Noh“, molte sono le persone coinvolte, con costumi e maschere, tamburi, fischietti, tamburi e altri creatori e artisti. Molti artisti occidentali sono stati influenzati da queste arti e spettacoli tradizionali giapponesi.

Tuttavia, non credo che la percezione dell’arte contemporanea sia molto buona. Vorrei fornire due ragioni per questo. Il primo punto è che, la suddetta cultura e le arti dello spettacolo sviluppate intorno ad essa e l’arte cristiana occidentale che è entrata nell’era Meiji non abbiano ancora trovato un punto di congiunzione con successo.

Promulgazione della Costituzione Meijixilografia in stile ukiyo-e di Yōshū Chikanobu, 1889

L’arte e le arti performative (es. No, Kabuki, cerimonia del tè, arte floreale, pittura giapponese, Ukiyoe, ceramica, arte della lacca) che sviluppiamo indipendentemente non trovano nulla in comune con l’arte occidentale . Appare impossibile. C’è una divergenza. Ad un certo punto, molti giapponesi furono affascinati da dipinti come gli impressionisti occidentali e ne sentirono il desiderio. Tuttavia, in questi giorni, stiamo iniziando a riconoscere nuovamente il mondo delle sculture buddiste e dei dipinti giapponesi nei nostri geni come puramente bello. A causa di questa situazione, la posizione dell’arte nel campo contemporaneo è spesso dolorosa e difficile.

Da un’altra prospettiva, si può dire che il Giappone non è abbastanza maturo in quest’area per creare un proprio stile di arte contemporanea. D’altra parte, quando si parla di arte, la sconfitta della seconda guerra mondiale è ancora in ombra. Per salvare molte persone dalla fame, sopravvivere alla scarsità di cibo e mostrare una nuova visione, penso che sia passato molto tempo in cui la “politica delle priorità economiche” è stata fortemente respinta e la politica del governo non ha prestato attenzione all’arte. .. È anche vero che non vogliamo ne possiamo staccarci dalla linea di investimento che vedono la politica economica del paese orientata verso la costruzione e la costruzione di nuove strade, inevitabilmente investimenti nei confronti dell’ arte da parte del paese sono pochi, e direzionati verso le arti dello spettacolo ed estetica giapponesi, per proteggere le tradizioni .

Come scegli gli artisti da proporre?

In primis apprezzo qualcosa attraverso la mia sensazione tattile. È importante che le opere da esporre siano opere che ti interessano. L’altro è l’umanità dell’artista. Ci sono persone con cui è facile parlare e con le quali lavorare insieme, ma ritengo si debbano scegliere anche altre persone rispettando e capendo il loro lavoro , e spero che seguendo questo percorso la galleria mi arricchisca culturalmente e che la mia ricchezza interiore influenzi anche altri artisti.

Quanto è importante il dialogo con altri paesi quando parliamo di arte?

Penso sia molto importante. Il signor Atsuhiko Musashi per esempio usa la carta (una tecnica per creare forme scultoree con la carta). Per i giapponesi, “Kami non è solo un materiale per dipingere. Usa carta bianca come purezza. In questo caso, la carta è sacra. La carta viene utilizzata anche per avvolgere bacchette e dolci. La carta è pulita.

Quando si introduce il lavoro di Musashi Atsuhiko in altri paesi, è necessario spiegare che la carta è completamente diversa nella spiritualità dalla carta in altri paesi per i giapponesi. Come altro esempio, la nostra cultura è un’idea multi-dio che Dio dimora ovunque e vive felicemente in molte cose, non il monoteismo, che è la base dei valori occidentali.

Quanto conta saper comunicare oggi?

Attribuiamo grande importanza a questo. Penso che l’arte stessa sia in primo luogo uno strumento di comunicazione, ma con l’avvento di giornali, riviste, Internet, FB e Instagram, l’arte e le prospettive sono cambiate. Grazie ai social , le persone che non sono mai state interessate all’arte, che pensavano fosse ad appannaggio solo di persone esperte e facoltose, inizieranno a guardare al mondo dell’arte.

I giovani hanno il potere di acquisire conoscenza attraverso la tecnologia Mi aspetto che il numero di persone che acquistano arte aumenterà con l’aumentare del numero di opere condivise sui social.

Non dimentichiamo mai che l’arte stessa è comunicazione

Quando hai deciso di aprire una galleria e far diventare la tua passione professione? 

Mi sono appassionata quando ho esposto alla Fiera dell’Arte di Parigi nel 2018. Nel momento in cui ho visto i collezionisti di Parigi interessati all’arte giapponese, ho sentito un forte desiderio di diventare una professionista del settore.

Grazie davvero per il tuo tempo

Alessio Musella

Intervista in collaborazione con Arti Services

Rimani Aggiornato

Iscriviti alla Nostra Newsletter